La signora nel furgone e le sue conseguenze

La signora nel furgone e le sue conseguenze

Alan Bennett / Oct 23, 2019

La signora nel furgone e le sue conseguenze Mancava un po a tutti lintrattabile Miss Shepherd Ai moltissimi lettori della Signora nel furgone naturalmente Ma soprattutto al suo riluttante e devoto biografo Alan Bennett che come si poteva im

  • Title: La signora nel furgone e le sue conseguenze
  • Author: Alan Bennett
  • ISBN:
  • Page: 263
  • Format: Formato Kindle
  • Mancava un po a tutti, lintrattabile Miss Shepherd Ai moltissimi lettori della Signora nel furgone, naturalmente Ma soprattutto al suo riluttante e devoto biografo, Alan Bennett, che come si poteva immaginare ha colto al volo la proposta del regista Nicholas Hytner scrivere un film che avrebbe visto Maggie Smith nel ruolo della protagonista Dal lavoro sul film nato poi questo libro, che oltre al testo originale e alla sceneggiatura contiene uno scritto introduttivo di pungente sincerit dove per la prima volta Bennett, anche grazie a nuove pagine di diario, racconta fino in fondo la singolare relazione che per quindici anni lo ha legato al pi eccentrico dei suoi personaggi, svelando a uno a uno, con nostro irrefrenabile divertimento, i lati pi curiosi dello strano mestiere che, senza quasi volerlo, ha finito per fare pi o meno meglio di chiunque altro.

    • [PDF] ✓ Unlimited ¼ La signora nel furgone e le sue conseguenze : by Alan Bennett Ý
      263 Alan Bennett
    • thumbnail Title: [PDF] ✓ Unlimited ¼ La signora nel furgone e le sue conseguenze : by Alan Bennett Ý
      Posted by:Alan Bennett
      Published :2019-07-10T14:23:47+00:00

    About "Alan Bennett"

      • Alan Bennett

        Alan Bennett Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the La signora nel furgone e le sue conseguenze book, this is one of the most wanted Alan Bennett author readers around the world.


    676 Comments

    1. Che questa storia sia capitata proprio ad Alan Bennett è davvero un segno del destino. Grande umanità, sottilissimo umorismo e una sensibilità speciale per descrivere questa Signora tutta particolare che ha sostato anni con il suo camper sgangherato nel giardino dello scrittore. Una grandissima penna suggeritami dai miei amici inglesi. Ottima lettura.


    2. Alan Bennett non tradisce e ci regala un altro piccolo capolavoro. Attraverso i decenni, raccontati come fossero flash di una giornata, si dipana la storia di questo personaggio eccessivo, non particolarmente simpatico, iracondo e spesso francamente ripugnante, che però conquista il lettore. Ma soprattutto questa è la storia della tolleranza e l'accoglienza che restano i cardini di una società come quella di oggi, valori tanto più grandi quanto non legati alla tenerezza o alla pietà che si [...]


    3. Un romanzo breve di un autore che non conoscevo ma che trovo davvero bravo e efficace.La storia è strana, la signora in questione e il narratore anche.Da leggere, per riflettere sulle difficoltà di vivere, sull'accettazione dell'altro, sui limiti che ci poniamo.


    4. Una storia reale, che solo uno come Bennett poteva vivere. Toccante, a tratti ironico, ma sicuramente insolita convivenza tra una clochard (nel furgone parcheggiato nel cortile di casa) e Bennett (tollerante padrone di casa). Dalla lettura si astrae un sentimento di conoscenza più profonda di quanto non si riesca ad immaginare.


    5. Un libricino di "sole" 90 pagine che ti fa immergere in un mondo diverso dal quotidiano, che ti fa riflettere e vedere certi aspetti della vita sotto una luce "altra".Molto interessante.Non conoscevo Bennett ma credo che acquisterò altro di lui, consigliato!


    6. Un libro che fa sorridere, ridere ma fa anche commuovere e ci fa entrare di nuovo in un giardino pieno di erbacce e abbandonato,quello dei nostri sentimenti.


    7. Più che il libro ho apprezzato la vicenda: Bennett restituisce il ritratto del personaggio con ironia e dolcezza, e alla fine vi scoprirete affezionati a Miss S.Non mi ha entusiasmato la stesura del libro ad aneddoti.


    8. Molto inglese! Il tipo di humor lo si percepisce già dalle prime righe: sicuramente efficace e incisivo, riesce addirittura a far pervenire persino la puzzae, non per cattiveria, ma anche questa è abbastanza tipica degli inglesi (non solo quella "sotto il naso", ma anche quella dovuta alla purtroppo poca dimestichezza con lo "strumento idrico",n me ne vogliano gli inglesi!). Tutto sommato non male, scorrevole, ottimo il ritmo e da leggere in brevissimo tempo. Solo ho trovato un po' poco convin [...]


    Leave a Reply